Nei sotterranei d'insondabile tristezza
                    dove il destino m'ha gi relegato;
      dove mai entra un raggio roseo e gaio;
                dove, solo con la notte, ospite imbronciata,

                    io sono come un pittore che un Dio beffardo
condanna a dipingere, ahim, sulle tenebre;
                                               dove, cuoco di funebri appetiti,
         faccio bollire e mangio il mio cuore,

         a tratti brilla, e s'allunga, e si mostra
uno spettro fatto di grazia e di splendore.
                            Nella sognante andatura orientale,

   quando assume la sua totale grandezza
io riconosco la mia bella visitatrice:
                              Lei!  nera e tuttavia



luminosa.


da "I fiori del male": XXXVIII-Un fantasma
testo originale
Elaborazione: G. Guidetti
indice generale
indice di sezione